Navigare a “0” emissioni a Taranto

Navigare a 0 emissioni a Taranto è possibile ed è quello che la delegazione di Kyma Mobilità/Amat S.p.a. (la società dei trasporti di Taranto) ha scoperto durante la sua visita ad Amsterdam.

La delegazione è stata accompagnata dal nostro collega Paolo Destilo (Decisio) e dalla società di consulenza sulla mobilità sostenibile EVConsult in una visita di due giorni tesa allo scambio di conoscenze sul come rendere più sostenibili i traghetti di Taranto.

EVConsult ha condiviso la propria esperienza del processo di elettrificazione dei trasporti su acqua nella città di Amsterdam, mentre il nostro collega Paolo Ruffino ha illustrato come una città possa prosperare economicamente e socialmente stimolando l’economia della bicicletta e della camminabilità. La delegazione ha inoltre visitato l’E-Harbour, il primo porto elettrico commerciale di Amsterdam, con una spiegazione sul programma di navigazione della città di Amsterdam ed il piano per rendere i canali della città più sostenibili. Per concludere la prima giornata, gli architetti navali di C-Job Naval Architects hanno dato un’introduzione al concept design delle navi elettriche.

Il giorno successivo la società di trasporti tarantina ha potuto incontrare la società omologa olandese della GVB (TPL di Amsterdam) ed è stata portata in traghetto alla sede centrale di Amsterdam Veren. Qui Kyma Mobilità/Amat S.p.a, ha avuto modo di conoscere quali sono le possibili soluzioni per convertire un traghetto alimentato a gasolio in uno a motore con propulsione ibrida, il processo e i costi correlati, con un bellissimo viaggio finale attraverso l’IJ con l’ultimo modello di traghetto ibrido della GVB.

La visita è stata resa possibile grazie al supporto dell’ufficio d’Economia e Commercio dell’ Ambasciata e Consolato Generale dei Paesi Bassi in Italia in Italia, con sede a Roma, e del finanziamento da parte del Comune di Taranto.

Maggiori informazioni?

Per maggiori informazioni su questo progetto o su quello che Decisio ha da offrire, rivolgetevi a Paolo Destilo (p.destilo@decisio.nl) o Paolo Ruffino (p.ruffino@decisio.nl).

Vedi anche